Ritirata la proposta di legge sul matrimonio delle “spose bambine” presentata dal partito Akp del presidente Recep Tayyip Erdogan. La legge, che proprio oggi sarebbe dovuta andare in parlamento, verrà sottoposta a una commissione in cui saranno presenti tutti i partiti. A darne notizia è stato il primo ministro Binali Yildirim, dopo che l’opposizione e gruppi per i diritti umani avevano denunciato che la proposta avrebbe permesso agli uomini accusati di abusi su minori di evitare la condanna.

Le legge – che ha suscitato numerose critiche – avrebbe consentito un matrimonio riparatore in caso di stupro di una bambina, anche al di sotto dei 16 anni, età minima consentita per le nozze. Nello specifico, la proposta, visionata da Reuters, avrebbe permesso che le condanne per abusi sessuali commessi “senza forza, minaccia o inganno” prima del 16 novembre 2016 venissero posticipate a tempo indefinito se il responsabile del reato avesse sposato la vittima.

In seguito al ritiro della proposta di legge, Yildirim ha fatto sapere che l’Akp valuterà l’opinione dell’opposizione e dei gruppi della società civile per riformulare la proposta, in linea con la richiesta di Erdogan di ottenere un ampio consenso.”Questi temi saranno discussi in commissione (parlamentare) – ha detto Yidirim citato dal sito del quotidiano Hurriyet. Se ci sarà una loro proposta (dell’opposizione) sarà sviluppata. Altrimenti risolveremo il problema prendendo i consigli di ong, cittadini, esperti e accademici. La politica è il luogo dove i problemi vengono risolti”, ha dichiarato il premier annunciando il rinvio del disegno di legge in commissione. Sottolineando che la decisione è stata presa anche sulla base delle parole del presidente Recep Tayyip Erdogan, che ieri – parlando dell’argomento per la prima volta – ha auspicato una soluzione basata su un “ampio consenso” e ha invitato il governo a “prestare attenzione alle critiche e ai suggerimenti” provenienti dall’”opinione pubblica”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giappone, terremoto 7.4 in area Fukushima. Rientrata allerta tsunami

prev
Articolo Successivo

Donald Trump, su Youtube il piano per i primi 100 giorni. Non c’è il muro con il Messico e la cancellazione dell’Obamacare

next