Confronto pepato a Otto e Mezzo (La7) tra il giornalista de Il Fatto Quotidiano, Andrea Scanzi, e il senatore dell’Udc Pierferdinando Casini sul referendum costituzionale del 4 dicembre. Casini stigmatizza l’eterogeneità del fronte del NO: “A favore del SI’ c’è una coalizione politica omogenea, che rappresenta quasi metà del Paese e che è imperniata su Renzi. L’allarme del Financial Times sulla vittoria eventuale del NO? Certamente l’immagine esterna dell’Italia, se vincesse il NO, sarebbe questa: i soliti italiani”. “E’ la classica storia dell’invasione delle cavallette se vince il NO” – replica Scanzi – “Si diceva la stessa cosa in caso di vittoria di Trump, ma da quando ha vinto quest’ultimo 7 volte su 8 Wall Street è salita. Eterogeneità dei sostenitori del NO? Nel 1985 sulla scala mobile il Pci votò insieme ai fascisti. Anche nel fronte del SI’ non vedo questa omogeneità, perché faccio fatica a trovare dei punti di contatto tra chi è di sinistra e gente come Marchionne e Alfano”. Il dibattito verte poi sulle dichiarazioni discutibili di Grillo e di De Luca e sul beneficiario della vittoria del NO. Per Casini è indubbiamente Grillo, per Scanzi è il popolo italiano, perché resterebbe una Costituzione migliore della versione modificata. Il giornalista poi osserva: “Non sono d’accordo con Casini quando invita a votare SI’, perché, qualora cadesse Renzi, verrebbe fuori il diluvio. E’ la stessa cosa che ho sentito con Monti, con Letta. L’umanità è sopravvissuta a traumi ben peggiori dell’eventuale caduta di Renzi. Siamo sopravvissuti alla morte di Jimi Hendrix, allo scioglimento dei Beatles e dei Pink Floyd. Voglio tranquillizzare Casini. Se cade Renzi, non si va nel baratro. Ci sarà un governo di scopo, fatto da Franceschini, Padoan e Delrio. Faranno la legge elettorale e si andrà al voto. Stia tranquillo, non succederà nulla”. “Ti ringrazio” – risponde Casini – “stanotte dormirò tranquillo. Grazie per la tua umanità

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Referendum, Gomez: “De Luca inneggia al voto clientelare. E’ con questi metodi che si vuole cambiare l’Italia?”

next
Articolo Successivo

Referendum, gaffe di Romano (Pd): “I sindaci di capoluogo diventeranno senatori”. Ma non è vero

next