Vittoria storica per l’Italia nel test match con il Sudafrica giocato a Firenze. Gli Azzurri hanno battuto gli Springboks 20-18 con una grande prova. In evidenza Fuser e Venditti con una meta a testa. Decisivo Canna, molto preciso con i calci piazzati. Per gli azzurri è la prima vittoria della sua storia contro una big del mondo della palla ovale come il Sudafrica.

“Sono troppo contento per i giocatori e per tutti gli appassionati che ci seguono. Per noi questo risultato deve essere solo l’inizio, una bell’inizio da cui partire”. Lo ha detto il ct dell’Italrugby Conor O’Shea dopo lo straordinario successo. “Abbiamo ancora molto da fare per cambiare il rugby in Italia, ma abbiamo il giusto potenziale e abilità per farlo – ha sottolineato O’Shea in conferenza stampa al termine del match -. Abbiamo ancora moltissimo da fare e da lavorare per migliorarci, ci sono i presupposti per rendere questo paese una grande nazionale di rugby”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pallanuoto, l’ex collaboratrice: “Da Volpi pagamenti in nero ad atleti, allenatori e collaboratori della Pro Recco”

next
Articolo Successivo

Promesse del calcio – Marco Olivieri e i giovani della classe ’99

next