Sua madre non ce l’ha fatta, uccisa dai bombardamenti che hanno distrutto completamente la loro casa. Per fortuna i soccorsi sono riusciti ad estrarre vivo il piccolo orfano, ennesima vittima della battaglia che dal 19 luglio 2012 si combatte per il controllo della città siriana di Aleppo. Nel corso dell’ultimo bombardamento delle forze russo-governative, riporta la Bbc, sono stati colpiti un ospedale pediatrico e un centro di trasfusioni ad Aleppo est. Sono rimaste uccise almeno 21 persone. Secondo il direttore dell’ospedale Bayan, citato dall’emittente britannica, nei raid sono state colpite anche delle ambulanze e tra le vittime ci sono anche 5 bambini

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Usa, si dimette direttore dell’Intelligence Community: è il 1° addio post Obama

prev
Articolo Successivo

Iraq, autobomba esplode alla festa di nozze: “Almeno 40 morti e 60 feriti”

next