Sua madre non ce l’ha fatta, uccisa dai bombardamenti che hanno distrutto completamente la loro casa. Per fortuna i soccorsi sono riusciti ad estrarre vivo il piccolo orfano, ennesima vittima della battaglia che dal 19 luglio 2012 si combatte per il controllo della città siriana di Aleppo. Nel corso dell’ultimo bombardamento delle forze russo-governative, riporta la Bbc, sono stati colpiti un ospedale pediatrico e un centro di trasfusioni ad Aleppo est. Sono rimaste uccise almeno 21 persone. Secondo il direttore dell’ospedale Bayan, citato dall’emittente britannica, nei raid sono state colpite anche delle ambulanze e tra le vittime ci sono anche 5 bambini

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, si dimette direttore dell’Intelligence Community: è il 1° addio post Obama

next
Articolo Successivo

Iraq, autobomba esplode alla festa di nozze: “Almeno 40 morti e 60 feriti”

next