L’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha avviato due distinti procedimenti istruttori, nei confronti rispettivamente di Vodafone Italia e Telecom Italia per possibili comportamenti abusivi riguardanti i servizi di invio massivo di sms, strumento usualmente utilizzato dalle imprese per comunicare con i propri clienti, in violazione dell’articolo 102 del Trattato di funzionamento dell’Unione europea che regola l’abuso di posizione dominante.

In particolare, Vodafone e Telecom Italia avrebbero ostacolato i concorrenti attivi nel mercato dell’invio di questi sms massivi, tra cui ci sono per esempio i messaggi di avviso antifrode bancaria (addebito della carta di credito o del c/c, accesso alla pagina personale della banca) o le notifiche di avvenuto invio o ricezione delle spedizioni, abusando delle proprie posizioni dominanti nei rispettivi mercati di terminazione sms sulla propria rete. L’avvio dei procedimenti è stato notificato mercoledì nel corso di ispezioni effettuate dall’Autorità in collaborazione con il nucleo speciale Antitrust della Guardia di Finanza.

La segnalazione che ha dato il via all’istruttoria è stata fatta da un operatore concorrente, secondo cui Vodafone e Telecom Italia, operatori verticalmente integrati, avrebbero applicato sul mercato a monte della terminazione sms sulle rispettive reti e sul mercato a valle dell’invio massivo tariffe che renderebbero il margine potenziale per i concorrenti nel mercato al dettaglio insufficiente a coprire i costi per fornire i servizi ai clienti finali. Se fosse verificato che le due aziende hanno effettivamente abusato della propria posizione ledendo la concorrenza, verranno sanzionate. Il termine del procedimento è previsto per il 30 novembre 2017.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge di Bilancio, emendamenti: ‘Creare monopolio statale sulla cannabis e usare entrate per poveri e terremotati’

next
Articolo Successivo

Legge di Bilancio, si lavora a tappe forzate: voto sul filo di lana per ottenere l’ok della Camera prima del referendum

next