“C’è una somiglianza tra i progetti di Licio Gelli e l’attuale riforma di Renzi“. Così Aldo Giannuli, storico dell’università Statale di Milano e autore del libro ‘Da Renzi a Gelli (passando per Berlusconi)‘, convinto che ci siano diversi punti di contatto tra le idee del maestro venerabile della P2 e quelle dell’attuale presidente del Consiglio. “Sono progetti di natura elitaria e le somiglianze sono tante – afferma Giannuli – Ce ne sono di merito come la filosofia politica governista ed esecutivista nella diminuzione di peso della rappresentanza al momento della decisione. Ma soprattutto c’è una somiglianza di metodo: per 70 anni abbiamo avuto una Costituzione di garanzia. Con le proposte di Gelli e ora con quella di Renzi non siamo più di fronte a un patto tra le varie forze perché c’è un solo soggetto: è una Costituzione impositiva”. Ma lo storico parla anche delle differenze tra le proposte della P2 e l’attuale riforma: “I contesti ovviamente sono diversi. Quello di Gelli era il mondo del bipolarismo e tutto era in funzione del contrasto all’Unione Sovietica. Adesso c’è un problema di difesa del sistema di potere incentrato intorno alla finanza e a Wall Street”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Referendum, il Sì fa miracoli: dopo tanti veleni, ora Crisafulli e Faraone sono amici. E la campagna acquisti Pd continua

prev
Articolo Successivo

Referendum costituzionale, il Pd: “Anpi in piazza con Forza Nuova”. Ma erano due presidi diversi (e distanti)

next