Due anni e otto mesi di reclusione. E’ la pena patteggiata oggi per l’accusa di corruzione da Luca Odevaine, già componente del Tavolo di coordinamento sugli immigrati, per il coinvolgimento in uno dei filoni dell’inchiesta di Mafia Capitale, quello che ha già coinvolto i dirigenti della cooperativa “La Cascina” già condannati, anch’essi con patteggiamento, nell’ambito dell’indagine sull’aggiudicazione di un appalto riguardante la gestione del Cara di Mineo. Servizio Pubblico di Michele Santoro ha ricostruito in una docufiction gli intrecci dell’inchiesta. Nella prima parte della ricostruzione Salvatore Buzzi parla di come il suo rapporto con Massimo Carminati gli agevoli i contatti con il Campidoglio per la gestione dei campi rom e dei centri d’accoglienza. Nella seconda entra in scena Luca Odevaine, vice capo gabinetto quando era sindaco di Roma, Walter Veltroni, e capo della polizia provinciale con Nicola Zingaretti, anche lui a libro paga di Salvatore Buzzi e uomo cruciale nella gestione dell’accoglienza per i migranti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Messina Denaro, l’impero del super boss latitante che vale più di Prada

next
Articolo Successivo

Ibiza, l’isola dei super ricchi con le bollicine da 22mila euro per bottiglia

next