Agostino Cataldi, titolare della ditta Patrizi di Norcia, che produce prosciutti stagionati per la gastronomia locale, illustra i danni subiti dal terremoto e che hanno reso inagibile lo stabilimento, a conduzione familiare. Cataldi si sta già riorganizzando per spostare l’attività ma teme che i tempi della burocrazia possano incidere negativamente sui tempi, decretando la fine dell’azienda.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terremoto, il calvario di Lorenzo e Ilaria: “Tornati dall’Australia per coltivare lo zafferano. Ora abbiamo perso casa e laboratorio”

next
Articolo Successivo

La furia del terremoto ripresa in diretta nelle telecamere di sorveglianza di Acquasanta Terme

next