Il marchio Lancia è qualcosa di grande. Quando ti capita sotto mano un capolavoro storico che porta questo marchio, è impossibile pensare il contrario. L’occasione è arrivata girando un video con una Fulvia Sport Zagato. Guardando lo stile inconfondibile, ascoltando il motore, studiando la sua storia, è nata qualche riflessione.

Le case automobilistiche hanno scoperto il valore dell’heritage. Forse un po’ tardi, i vari manager e uffici stampa stanno capendo che le auto storiche sono una buona leva per promuovere le nuove gamme. I tedeschi, che per queste cose hanno testa e fiuto, sono stati i primi a spingere e investire in questo settore, valorizzando così un patrimonio che diventa uno dei migliori strumenti di marketing.

In Italia siamo un po’ indietro, come in altre cose. Il problema è che il patrimonio storico dell’industria automobilistica italiana non ha rivali. Basta dare uno sguardo a cosa veniva prodotto in Germania e Francia, in particolare tra gli anni 60 e 70, e vedere le gamme dei nostri marchi.

Adesso la situazione si è invertita. All’estero sono più bravi degli italiani a fare le macchine, e riescono anche a promuovere molto meglio un patrimonio che è una frazione del nostro. In particolare, qualche anno fa, la scelta di uccidere il marchio Lancia non sembra una mossa molto lungimirante. Per spingere la gente a comprare automobili la leva emotiva è fondamentale. E per chi oggi ha almeno 30 anni non sarebbero degli ottimi testimonial Delta, Stratos, 037, Fulvia?

Questa Zagato è un capolavoro dell’industria e del design italiano. Un’auto sportiva che porta il marchio Lancia, lo stesso della Ypsilon. Un’utilitaria che è anche l’ultima macchina a montare lo scudo blu, destinato a sparire.

Lancia risorgerà? Probabilmente no, ma noi ci speriamo. In fondo, fino a qualche anno fa, chi avrebbe mai scommesso su una berlina Alfa Romeo a trazione posteriore di nome Giulia?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Nuova Fiat Tipo? Non è una vera Tipo

next
Articolo Successivo

Trump presidente, non tutta l’America dell’auto ha votato per il Tycoon

next