Il ministero del turismo siriano ha pubblicato alcuni video promozionali delle città di Aleppo e Damasco, con l’intento di fornire un’immagine di normalità e di promuovere il turismo. Nel video dedicato alla città di Aleppo non si vedono le immagini di distruzione, i bombardamenti aerei, né la città vecchia, diventata linea di frontiera e danneggiata dagli anni di guerra. Ma un’alba radiosa. Anche nel video dedicato a Damasco non si vedono i danni della guerra ma si vede solo il centro città. Proprio nel cuore della città, il 7 ottobre scorso, si è svolta la maratona “i love Damascus“, sotto la supervisione del gruppo Damascus Youth Voluntary Team e del ministero del turismo. La manifestazione, che ha preso il nome di “Maratona dei colori”, è avvenuta nello stesso giorno della giornata mondiale del sorriso. L’evento però è stato criticato da molti sostenitori del governo di Damasco che l’hanno bollata come “irrispettosa verso il sangue dei soldati morti”. (Il video è una sintesi di tre filmati pubblicati dal ministero siriano, la musica è quella utilizzata nel video della maratona del 7 ottobre a Damasco)

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calais, brucia la Giungla. Incendi e fuoco durante lo sgombero. Autorità: “Preoccupante”

next
Articolo Successivo

Unesco, Gentiloni: “Se la risoluzione sui luoghi santi di Gerusalemme resta uguale voteremo contro”

next