Venerdì 21 ottobre niente pane fresco: i dipendenti dei panifici artigianali e industriali protesteranno contro il mancato rinnovo del contratto, scaduto da 21 mesi, che interessa a livello nazionale 80mila lavoratori. L’agitazione è stata proclamata dai sindacati Flai-Cgil, Fai-Cisl e Uila-Uil. A Milano è previsto un presidio davanti alla “Casa del Pane”, sede dell’Unione Panificatori. Alla manifestazione parteciperanno anche i dipendenti dalla Panem di Muggiò, storica azienda del settore.

Massimo Albanese, segretario generale della Fai-Cisl della Lombardia, ha spiegato che la protesta servirà “per denunciare la drammatica situazione in cui versa l’azienda che vede il Gruppo Novelli in concordato preventivo, con ritardi di alcuni mesi nei pagamenti delle retribuzioni e delle spettanze previdenziali”. Il Gruppo controlla una serie di marchi della grande distribuzione, da Ovito a Interpan, Cantina Novelli e Pan Famiglia.

Sempre per venerdì poi l’Usb, l’Unicobas e l’Usi hanno indetto uno sciopero generale di tutte le categorie pubbliche e private per l’intera giornata. L’Usb ha dichiarato che l’obiettivo della protesta sarà “la riaffermazione del lavoro e dello stato sociale, in opposizione frontale alle politiche di aziendalizzazione, privatizzazione e precarizzazione che i governi degli ultimi decenni stanno conducendo, incluso il governo Renzi attualmente in carica”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Call center, Calenda: “Troppi ritardi per il ddl, subito nuova legge. Tolleranza zero con aziende che non rispettano norme”

next
Articolo Successivo

Foodora, le promoter cacciate via WhatsApp: “Licenziate al telefono per aver partecipato a un incontro pubblico”

next