Infiltrazioni d’acqua negli appartamenti, riscaldamento che “funziona poco”, porte senza serrature, piastrelle divelte e mai più sistemate. “Siamo in Africa, non in Italia”. A dirlo i cittadini delle case popolari di via Cilea, a Milano, due palazzi di quattordici piani dove da due anni la gestione è passata da Aler a MM SpA. “Alcuni interventi non possono essere fatti in manutenzione ordinaria”, spiega Paolo Viesti, responsabile della sede territoriale MM SpA di via Senigallia. In altre parole, i lavori che permetteranno ai residenti di non avere più massicce infiltrazioni d’acqua in casa, rientrano in un piano di azione straordinario che dovrebbe partire l’estate prossima. Ma per i residenti e per Francesco Di Gregorio di Sunia Milano, “i lavori devono iniziare il prima possibile”. E intanto cosa possono fare i cittadini delle case popolari milanesi? “Per tutte le segnalazioni è attivo un call center”, chiude il responsabile di MM spa di fronte agli inquilini, che perdono la pazienza

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Telecamere negli asili contro gli abusi, ok della Camera alla legge: “Ma solo pm e polizia potranno vedere le immagini”

next
Articolo Successivo

Roma, Comune fa guerra al Municipio I: “Festa Befana a piazza Navona si farà”. E annuncia: “In futuro decideremo noi”

next