La più grande fabbrica di sex toys al mondo si trova in Nord America. L’azienda, all’epoca, produce esche per pescare e nel 1976 viene rilevata da Mister Ron Braverman, oggi affascinante sessantanovenne. Nasce così “Doc Johnson” che attualmente dà lavoro a 500 persone ed è orgogliosa di non affidarsi totalmente all’estero per la realizzazione di sex toys. Infatti il 75 per cento degli oggetti del piacere viene realizzata qui e il numero è considerevole visto che trattasi di circa 15.000 pezzi al giorno.

A dire il vero, ricorda la Fabbrica del Cioccolato con diversi dipartimenti che sviluppano nuovi articoli di misure e forme diverse per ogni tipo di clientela.

Sarebbe interessante organizzare visite guidate per imparare e capire come si crea un dildo in silicone o come – con maestria – si cuciono peli sintetici sul pube di vagine artificiali.

Trovo sempre straordinario leggere la creatività di chi propone prodotti di questo tipo. Tra i brand elencati si può scegliere Lucid Dream, Oralove, Titanmen, The Realistic Cock.

Una sbirciata al sito ed ecco che la sezione più interessante è quella relativa ai masturbatori maschili che replicano parti del corpo femminili, spesso di pornostar:

Pussy ( e qui è chiaro)

Ass (idem come sopra)

Mouth (con o senza denti?)

Large (per una profonda penetrazione..zione..one..one..ee)

Doggy-style (ehm)

Handheld (da mettere nel borsello o in tasca)

Organic (reversibili e riutilizzabili)

Ciò che mi ha piacevolmente stupito è la serie di pamphlet con la grafica a quaderno che spiega dettagliatamente come praticare il sesso nel migliore dei modi”, conoscere il bondage, utilizzare il piccolo dizionario per capire – per esempio – la differenza tra “dildo” e “ dong”, avere informazioni sulle varie tipologie di lubrificanti.

Tra l’altro il delizioso font utilizzato, ricorda i vecchi appunti scritti con il lapis che noi signore nate negli anni ’60 adoriamo.

Nel colorato pamphlet dedicato al sesso anale, si danno consigli importanti su come praticare iniziando dall’igiene. Poi si prosegue suggerendo gentilezza, lubrificazione, carezze, plug, la posizione più favorevole per il massaggio prostatico, per chi vuole sperimentare il pegging o il rimming.

Avrei aggiunto il condoming che in bettinese è “Non dimenticatevi il preservativo”.

Tra i prodotti di spicco, le gocce che sensibilizzano il clitoride (attenzione a non confondersi e utilizzare quelle per dormire) e il lubrificante illuminante: confesso che quando ho letto di cosa si tratta ho sorriso e chiedo perdono a chi è consumatore di questo liquido che rende le parti intime luminescenti e toniche.

Viva la creatività e complimenti a lei, Mister Braverman: qui in Italia non c’è traccia di imprenditori vibranti così impavidi.

Potete seguirmi anche sul mio sito http://www.sensualcoach.it/

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Essere figlio di una pornostar: “Sapere di essere stato concepito in una gangbang è difficile”. “Mia madre, dominatrice professionale”

next
Articolo Successivo

“Fine del terrificante periodo della cera bollente, torna il cespuglio”. E il magazine inglese dettò le regole della depilazione

next