Mentre a Palazzo Chigi continuano le riunioni per mettere a punto il testo definitivo della legge di Bilancio, il cui approdo in Parlamento rischia di slittare, la Commissione europea è pronta a inviare all’Italia una lettera in cui contesta la mancata riduzione del deficit e l’eccesso di coperture attese da interventi una tantum. Ne dà notizia l’agenzia Reuters, che cita fonti comunitarie secondo cui la manovra è ancora in fase di valutazione – com’è inevitabile visto che il Documento programmatico di bilancio è stato spedito a Bruxelles solo martedì mattina e molte misure sono ancora da scrivere – ma l’esecutivo Ue già nutre dubbi. Matteo Renzi, ancora in visita ufficiale a Washington, ha commentato: “La procedura di infrazione? La aspetto per i paesi che non hanno fatto la relocation“, cioè il trasferimento dei migranti dai Paesi di primo arrivo a quelli che si sono impegnati ad accoglierne quote prestabilite. “La manovra rispetta tutte le regole, è una manovra strategica sulla crescita che porta miliardi verso l’economia e che pensa ai cittadini con 2 miliardi per la sanità e l’intervento sulle pensioni“, ha continuato.

I rilievi Ue riguardano innanzitutto il saldo strutturale di bilancio, cioè la differenza tra entrate e uscite al netto del ciclo economico e degli interventi una tantum, che è indicato in aumento di 0,4 punti di pil tra 2016 e 2017 mentre la Commissione aveva chiesto una correzione dello 0,6% e pretende almeno uno calo dello 0,1%. L’Italia giustifica il minor sforzo di risanamento appellandosi alle clausole per eventi eccezionali, nella fattispecie la crisi migratoria e le spese legate al sisma di fine agosto. L’altro aspetto critico ha a che vedere con le coperture, oltre metà delle quali deriva da operazioni non replicabili: le sanatorie fiscali e l’asta delle frequenze 5G.

“Dobbiamo vedere in che misura condividiamo le assunzioni dell’esecutivo”, ha detto la fonte Ue a Reuters. In teoria Bruxelles può rispedire al mittente la manovra entro due settimane dalla sua presentazione ma finora questa fattispecie non si è mai presentata. La prassi vuole però che Ue e governi nazionali trovino un’intesa su eventuali correzioni evitando rotture ufficiali. Peraltro il confronto sulla manovra avviene a ridosso del referendum costituzionale del 4 dicembre, in vista del quale il commissario europeo agli Affari Economici, Pierre Moscovici, aveva annunciato “sostegno” a Renzi contro il “rischio populismo”. E, secondo fonti diplomatiche citate dall’agenzia, il presidente della Commissione Jean-Claude Juncker nel corso di una riunione interna con alcuni funzionari ha detto: “Se rinunciamo a Renzi, rinunciamo sull’Europa”.

Intanto a Roma i tecnici del Tesoro e di Palazzo Chigi stanno di fatto scrivendo la manovra. Secondo fonti di governo la presentazione al Parlamento potrebbe slittare a lunedì prossimo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sole 24 Ore, Consob manda la Guardia di Finanza negli uffici dell’editrice della Confindustria

prev
Articolo Successivo

Bollette, Autorità dell’energia: “Rimborsi per condotte anomale subito e a tutti”

next