Prima l’hanno drogata. Poi torturata e impalata. E l’hanno rivestita, lavata e ripulita prima di abbandonarla, ormai esanime, davanti all’ospedale di Mar del Plata dove i medici non sono riusciti a rianimarla. Quella subita dalla sedicenne Lucia Perez lo scorso 8 ottobre, ha detto il pubblico ministero Maria Isabel Sanchez, è la storia di “una violenza sessuale disumana”, che ha sconvolto anche il medico legale.


“In tutta la mia carriera – ha detto – non ho mai visto nulla di simile”. Per le violenze e l’omicidio della giovane – avvenuto mentre a Rosario 70mila persone sfilavano per il Raduno Nazionale Femminile – sono stati fermati Matias Farias, 23 anni, e Juan Pablo Offidani, 41, due spacciatori già noti alle forze dell’ordine. E a poche ore dal loro arresto è stato fermato anche un terzo uomo, che secondo il pubblico ministero avrebbe aiutato gli altri due a compiere lo stupro e a nascondere i segni della violenza.

Un caso che ha sconvolto il Paese, dove ogni 30 ore una donna viene uccisa per mano di un uomo. E dove solo nel 2015 sono avvenuti 286 femminicidi. Migliaia di cittadini hanno organizzato manifestazioni in tutto il Paese: a Mar de la Plata sono scesi in piazza al grido di  #NiUnaMenos (Non una di meno), mentre a Buenos Aires è stato organizzato uno “sciopero al femminile” per ribadire l’importanza e i diritti delle donne.

“La protesta – hanno spiegato le organizzatrici dell’associazione Ni Una Menos– consiste nel fermarsi dalle 13 alle 14 nel tuo ufficio, la tua scuola, il tuo tribunale, la tua redazione, il tuo negozio o la fabbrica nella quale lavori per dire basta alla violenza maschilista. Perché noi vogliamo rimanere vive”. Sempre nella Capitale è previsto un corteo che arriverà fino alla Casa Rosada, sede della presidenza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’auto è fuori controllo, i fedeli vengono travolti come birilli all’ingresso del tempio

next
Articolo Successivo

Calais, interprete della Tv francese: “Stuprata da un migrante”. Intanto i giudici autorizzano sgombero del campo

next