Ricordate l’Interrail? Il biglietto “open” nato a inizio anni ’70 che permetteva ai giovani di viaggiare nel vecchio continente con un unico tagliando valido per i trasporti su rotaia europei. Una manna dal cielo per intere generazioni, che hanno avuto la possibilità di visitare paesi altrimenti fuori dalla loro portata economica.

Ebbene, lo stesso spirito low cost e una formula assai simile si possono ritrovare adesso con Interflix, il programma che permette di viaggiare in pullman in cinque città diverse d’Europa (su un totale di 900 tra cui scegliere) utilizzando un solo biglietto, non cedibile e nominale, la cui tariffa base è 99 euro.

Il pacchetto di cinque destinazioni può essere acquistato online sul sito dell’azienda FlixBus, la start-up che ha lanciato il servizio. Dopo di che si riceverà una mail in cui ci sono cinque codici corrispondenti ai viaggi da riscattare entro i tre mesi successivi alla prenotazione. Prenotazione che può essere modificata tramite il servizio clienti, disponibile h24.

Si tratta, giova specificarlo, di collegamenti diretti da città a città, e non sono consentite tratte di andata e ritorno sullo stesso percorso. Dunque se si va da Milano a Parigi, ad esempio, per tornare a Milano bisognerà obbligatoriamente passare prima da un’altra città.

Si parlava prima di low cost, ma in effetti i pullman della FlixBus sono moderni: hanno toilette e prese di corrente, nonché il wifi di bordo e a possibilità di rifocillarsi con snack e bevande. Pagando, ovviamente.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sicurezza stradale, è allarme etilometri. “La metà di quelli in dotazione non funziona”

next
Articolo Successivo

Magneti Marelli, la tecnologia dei fari a Led (e non solo) che fa gola ai coreani

next