Buoni e cattivi. Regimi e fondamentalisti. Americani e russi. Morti eccellenti e numeri vuoti. Sono alcune delle categorie e delle dicotomie di cui il nostro immaginario è pieno. Del mondo arabo e islamico non si vedono le sfumature: quelle che ci spiegherebbero la complessità dell’oggi, aiutandoci a risolvere i problemi e le incomprensioni che alimentano uno scontro fatto di stereotipi e di bombe. Il primo elemento sono le tifoserie. Il caso più celebre è quello di chi sostiene i palestinesi o gli israeliani, quasi che queste due popolazioni fossero dei blocchi monolitici o squadre di calcio. Non si vedono i palestinesi che criticano Hamas e Fatah o gli israeliani che fanno altrettanto contro il loro governo. Chi fra palestinesi e israeliani compie questa scelta spesso, qui nella nostra comoda Italia, è visto come un “traditore”: qualcuno che tradisce la causa – perorata dal nostro divano! Questa causa o cause, che godono di una ampia tifoseria da bar, spesso sono portate avanti senza un’adeguata preparazione: la mancanza di una prospettiva e contestualizzazione storica.

Le morti eccellenti e i numeri. In Medioriente il morto lo fa chi lo ammazza. Se è un fondamentalista a uccidere allora è possibile che la vittima, il suo volto e il suo nome, guadagni la prima pagina. Questo perché la vittima si identifica con “noi”: è uccisa dal “nostro stesso nemico”. Per i morti da bomba, come quelle sganciate ad Aleppo, no, non c’è spazio. Questo per due motivi: chi sgancia le bombe fa parte dell’Occidente – si intende la Russia – e la bomba è frutto della nostra modernità. Se sono gli americani a sganciare bombe, allora il dibattito parte fino a impennarsi perché gli americani, nel nostro immaginario collettivo, sono storicamente compromessi in Medioriente. Nel caso americano, si comincia a parlare di “bombe intelligenti”, “esportazione della democrazia”. Anche le bombe saudite in Yemen, contro i civili e i miliziani Huthi sostenuti dall’Iran, sollevano indignazione perché i sauditi sono identificati con gli americani: i loro alleati regionali. Invece, i migliaia di pasdaran e afgani in Siria non riescono a bucare lo schermo.

Con tanta semplicità viene affibbiata la parola “terrorista” a chi è contro di noi e il nostro schieramento. “Gli israeliani sono tutti terroristi”, “i palestinesi sono tutti terroristi”, “ad Aleppo est ci sono solo terroristi”. Terrorista diventa la parola prediletta per demonizzare l’altro e rubargli ogni possibilità di controbattere, portando avanti un suo discorso politico. Il governo di Damasco, fin dal 2011, ha liquidato l’opposizione e i manifestanti in piazza come “terroristi”. Il governo di Teheran fece lo stesso con i giovani dell’Onda verde del 2009-2010. Al Sisi, in Egitto, ha etichettato come “terrorista” ogni oppositore, sia esso socialista o islamico. In fin dei conti, tutti questi governi possono contare sulla nostra paura verso l’islam. Così, basta dire che uno è un terrorista islamico per poter far leva su una paura profonda, maturata dopo il 2001 da quello che è “l’Occidente”, per poter far dimenticare che l’interlocutore, Asad, al Sisi, o il governo a Teheran, ha responsabilità enormi a riguardo della violazione dei diritti umani. I regimi autoritari diventano i “mali minori”.

Del Medioriente manca “la certezza storica”. Tutto può essere letto, scritto e raccontato sui giornali o al bar con uno sguardo complottista e banale. Colpa di un mondo accademico che fino ad ora non ha voluto bacchettare chi, occupandosi di Medioriente, continua a dire castronerie: non conosce la differenza fra un sunnita e uno sciita o non sa, ancora, in che anno Hafez al Assad ha fatto il colpo di stato in Siria. D’altra parte, spesso chi si occupa di Mediorente (qualificandosi come esperto) è mosso da “una passione”. Una passione che non può bastare se non sostenuta dalla continua ricerca e dallo studio di una storia che c’è e che merita di essere adoperata per contestualizzare quello che avviene.

Purtroppo, c’è la consapevolezza che quanto appena scritto cadrà nel vuoto. Guardando al futuro, con una prospettiva da qua a qualche decennio, potremmo dire che l’enorme quantità di cose scritte sul Medioriente da “appassionati” commentatori alimenteranno la costruzione di un senso comune nella nostra società (liquida e che si confronta con l’islam) che produrrà equivoci e incomprensioni. Da ciò, non può che nascere un malessere sociale che avrà anche declinazioni violente con le quali faremo i conti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Usa 2016, Trump vs Clinton cantano Time of my life. La video-parodia del dibattito

next
Articolo Successivo

Siria, in volo su Aleppo con il drone. La città distrutta dai bombardamenti aerei

next