“Si può essere in Europa senza essere nell’euro”. Lo ha detto intervenendo alla Biennale cooperativa di Bologna il premio Nobel per l’economia Joseph Stiglitz. “L’euro – ha osservato il professore della Columbia University – è una moneta. L’obiettivo era la prosperità, ma l’Europa non si è comportata benissimo” nel raggiungere quest’obiettivo. “La cosa più importante – ha detto Stiglitz – è il progetto europeo: la Svezia si vede come parte dell’Europa, ma non è nell’area euro. Eppure è uno dei paesi più prosperi dell’Unione”. Romano Prodi, anche lui assieme a Jean-Paul Fitoussi ospite alla biennale dell’economia cooperativa a Bologna, lancia invece l’allarme sul futuro della costruzione europea: “Fino alla crisi economica è andata bene. Poi la crisi ha fatto divergere gli interessi e coi nazionalismi, i populismi si è divaricata la politica economica, che adesso non c’è più. Il futuro dell’euro – ha argomentato ancora l’ex presidente del consiglio ed ex presidente della Commissione europea – non è un punto interrogativo, il problema è come ricostruire la convergenza che c’era prima della crisi. E qui il problema va alla Germania”. L’ex premier spiega che uscire dalla crisi dell’euro non sarà facile, con gli ultimi vertici europei rivelatisi inutili. L’ultimo consiglio europeo di Bratislava, ha spiegato Prodi, “è stato un incontro di cortesia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salari, Stiglitz: “Da 40 anni cresce solo la produttività”. Prodi: “Della disuguaglianza non frega a nessuno”

next
Articolo Successivo

Italia 4.0, perché il piano del governo è una riedizione di una legge dell’82 – I

next