Diecimila piatti vuoti, bianchi e blu. Una piazza Duomo “apparecchiata” contro la fame e la malnutrizione nel mondo. L’evento da Milano si chiama In the name of Africa ed è organizzato da Cefa Onlus. Obiettivo: sensibilizzare le persone contro lo spreco di cibo e gli squilibri nella distribuzione delle risorse alimentari. I piatti sono stati disposti a formare prima la scritta “Spreco zero”, poi l’immagine dell’Africa.

Ogni persona è stata invitata a riempire un piatto vuoto con spighe o palloncini e a dare il contribuito di 7 euro per vincere la fame. Il ricavato sosterrà il progetto “Africa Hand Project” per creare una filiera lattiero-casearia in grado di generare cibo e lavoro per le comunità rurali del Mozambico. Anche il vignettista Altan ha collaborato all’iniziativa realizzando un piatto di ceramica speciale con la Pimpa che porge una spiga di grano a una sua simile africana.

L’evento si terrà anche il 15 ottobre a Bologna in piazza Maggiore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Volontariato, in mezzo a chi ha fatto dono dei propri ‘Fiori del bene’

prev
Articolo Successivo

Disabilità, il mio rapporto ‘di M’ con la distrofia muscolare

next