E’ stato fermato dagli agenti del Commissariato di polizia e della Squadra Mobile il presunto autore dell’omicidio del 17enne Mario Morelli, avvenuto a colpi di pistola nella tarda serata del 6 ottobre a San Severo, in provincia di Foggia. Si tratta di S.F., 16 anni, figlio di un noto pregiudicato della criminalità della cittadina, che ora si trova rinchiuso nell’istituto per minori di Bari.

E’ accusato di aver sparato anche a un altro giovane che era arrivato a bordo di uno scooter insieme alla vittima dopo un appuntamento fissato dal 16enne per telefono con i due ragazzi un’ora dopo una lite verbale scoppiata nel centro storico tra il ferito, attualmente ricoverato in ospedale nel reparto di chirurgia, e Morelli. All’origine dell’agguato mortale, avvenuto in vico del Tesoro, i contrasti legati alla relazione che S.F aveva con la sorella del ferito e la circostanza che nutrisse un interesse nei confronti della stessa ragazza anche Morelli.

I poliziotti che hanno fermato il 16enne si sono basati su attività tecniche, numerose acquisizioni dei sistemi di videosorveglianza, ascolto di testimoni. Le indagini sono state coordinate dal pm Ileana Ramundo e successivamente dalla Procura della Repubblica del Tribunale dei Minori di Bari. Il giovane è accusato di omicidio e tentato omicidio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pistoia, lei si rifugia in bagno ma lui dà fuoco all’appartamento: 28enne muore carbonizzata. Arrestato coetaneo

prev
Articolo Successivo

Venezia, cadavere affiora a Sacca Fisola. Recuperato dai pompieri, polizia indaga

next