Debutto del neo assessore al Bilancio, Andrea Mazzillo in Campidoglio che risponde a un’interrogazione del Pd sul disavanzo di un miliardo di euro prodotto dalle Partecipate, allarme lanciato dalla Ragioneria generale. “Queste sono situazioni anomale ereditate dal passato, faremo un’operazione di efficientamento, per rendere le Partecipate una risorsa più che un peso sul bilancio”, afferma l’assessore. Pronta la replica della capogruppo capitolina del Pd Michela Di Biase: “Non eravamo compagni di partito? E’ tutta colpa quindi del Pd? Toglietevi quel ghigno e iniziate a lavorare“, in riferimento al passato politico di Mazzillo. “Questo disavanzo – prosegue la De Biase – è dovuto a un ritardo di tre mesi di questa giunta, non possono andare avanti con lo scaricabarile. E’ stata la stessa sindaca a dire che i conti erano in ordine per quanto riguarda il piano di rientro. E oggi ci troviamo un buco di un miliardo: è ancora tutta colpa del Pd? O della paralisi?”
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Riforma, Richetti (Pd) vs Scanzi: “Meglio questa che niente”. “Nessuno ha chiesto a Renzi di cambiare legge elettorale”

prev
Articolo Successivo

Audizioni pubbliche per le partecipate, sì di Novara e Savona. Roma e Torino al lavoro, Bologna tace

next