di Mario Orlandi

Il quesito elettorale è stato confezionato con il palese intento di estorcere qualche voto provvidenziale mediante un messaggio fazioso; il confronto con i precedenti è imbarazzante, e non concede margine a interpretazioni.

Al di là delle conseguenze pratiche, che non è facile valutare, colpisce il significato simbolico della cosa, proprio perché si è materializzata sullo strumento principe per l’esercizio della democrazia: la scheda elettorale.

Non sorprende più di tanto osservare come diversi politici si siano affrettati a gettare acqua sul fuoco, se non addirittura ad esprimere apprezzamento in nome di una ipotetica ricerca della chiarezza. Non sorprende, perché questi individui ci hanno da tempo abituati all’ipocrisia e alla menzogna.

Più difficile da digerire è il constatare la vulnerabilità dei nostri strumenti democratici, lasciati in balia della “buona volontà” del governo di turno, e incapaci di una propria autodifesa autonoma. Ma ciò che lascia davvero perplessi è il vedere cittadini onesti, lontani dai giochi della politica, fare spallucce, e accettare la cosa come se fosse un episodio irrilevante e marginale: in quante altre democrazie progredite potremmo osservare altrettanta rassegnazione?

La “questione morale”, tante volte ostentata e mai affrontata, lascia ora spazio a una nuova stagione, che potremmo forse definire della “resa morale”, nella quale anche i cittadini comuni abbandonano ogni pudore, qualcuno per esasperazione, qualcun altro per superficialità.

Il blog Utente Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio.

Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sondaggi, referendum: il No avanti di 6 punti, ma l’astensione resta alta. Sfida Renzi-Zagrebelsky in tv da Mentana

next
Articolo Successivo

Referendum costituzionale, perché la Cgil dice No alla riformicchia Renzi-Boschi

next