di Mario Orlandi

Il quesito elettorale è stato confezionato con il palese intento di estorcere qualche voto provvidenziale mediante un messaggio fazioso; il confronto con i precedenti è imbarazzante, e non concede margine a interpretazioni.

Al di là delle conseguenze pratiche, che non è facile valutare, colpisce il significato simbolico della cosa, proprio perché si è materializzata sullo strumento principe per l’esercizio della democrazia: la scheda elettorale.

Non sorprende più di tanto osservare come diversi politici si siano affrettati a gettare acqua sul fuoco, se non addirittura ad esprimere apprezzamento in nome di una ipotetica ricerca della chiarezza. Non sorprende, perché questi individui ci hanno da tempo abituati all’ipocrisia e alla menzogna.

Più difficile da digerire è il constatare la vulnerabilità dei nostri strumenti democratici, lasciati in balia della “buona volontà” del governo di turno, e incapaci di una propria autodifesa autonoma. Ma ciò che lascia davvero perplessi è il vedere cittadini onesti, lontani dai giochi della politica, fare spallucce, e accettare la cosa come se fosse un episodio irrilevante e marginale: in quante altre democrazie progredite potremmo osservare altrettanta rassegnazione?

La “questione morale”, tante volte ostentata e mai affrontata, lascia ora spazio a una nuova stagione, che potremmo forse definire della “resa morale”, nella quale anche i cittadini comuni abbandonano ogni pudore, qualcuno per esasperazione, qualcun altro per superficialità.

Il blog Utente Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio.

Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sondaggi, referendum: il No avanti di 6 punti, ma l’astensione resta alta. Sfida Renzi-Zagrebelsky in tv da Mentana

prev
Articolo Successivo

Referendum costituzionale, perché la Cgil dice No alla riformicchia Renzi-Boschi

next