Una buona notizia per gli appassionati, qualche perplessità tra gli addetti ai lavori. Nel complesso, però, soddisfazione per un evento tradizionale come il Motor Show di Bologna, che torna nell’agenda degli appuntamenti automotive dopo le infinite peripezie, ridimensionamenti e annullamenti degli ultimi anni.

Non per la durata dei tempi d’oro, insostenibile oggi come oggi, ma per una settimana: la prima di dicembre, dal 3 all’11. L’edizione numero 40 rimane nella sua location naturale, ovvero Bolognafiere, ma si rinnova nei contenuti, adeguandosi al cambiamento che le auto stanno subendo in questi anni, soprattutto per quanto riguarda connettività e infotainment. A questo tema sarà dedicato un intero padiglione, il Tech&Innovation Experience, che presumibilmente attirerà le attenzioni dei giovani studenti ma anche delle start up.

Ma siccome a certe tradizioni è difficile rinunciare, ecco che torna alla ribalta la famosa Area 48, ovvero la Racing Arena dove ogni giorno si alterneranno esibizioni di motorsport a due e quattro ruote: motocross, supermotard, Granturismo e F1, giusto per citarne alcune. E poi il rally, con il ritorno dello storico Memorial Bettega.

Quanto alle vetture, è prevista un’esposizione di auto d’epoca accanto a quelle moderne, ma anche un percorso di test per i fuoristrada. “L’obiettivo”, spiega il direttore del Motor Show Rino Drogo, “era ottenere i due terzi dei marchi italiani. Con la presenza del gruppo FCA abbiamo superato abbondantemente il 66%, e puntiamo alla presenza di almeno 250 mila persone“. Per la cronaca parteciperà anche la Lamborghini, anche se il resto del gruppo Volkswagen non sarà presente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tesla, la Model S si hackera così. Basta un portatile a pochi metri di distanza – VIDEO

prev
Articolo Successivo

Salone di Parigi 2016, FCA non segue la tendenza. Niente ibride nè elettriche – FOTO

next