Bentornati a Ten Talking Points, l’unica rubrica bella come un assist di Borja Valero. Altre considerazioni.

1. La bruttissima vittoria della Juve a Palermo può essere letta in due modi. Primo modo: la Juve è peggiore di un anno fa, si sente troppo la mancanza di Marchisio (e Pogba), c’era bisogno di Witsel, gli infortuni di Rugani e Asamoah (fuori entrambi 45 giorni) peggioreranno il tutto, Pjanic è evanescente come il cervello della Picierno e in trasferta i bianconeri soffrono troppo. Quindi il Napoli può vincere lo scudetto.

2. Poi però c’è il secondo modo: la Juve vince anche quando gioca male, il Napoli vince solo quando gioca bene (altrimenti pareggia a Pescara e Genova). Ecco perché continuo a pensare che lo scudetto sia juventino: non premia la bellezza, ma la costanza.

3. C’è poi un’altra cosa: Che Gue Sarri sta signoreggiando e il suo Napoli scintilla come un assolo di Gary Moore in Still Got The Blues, ma ho la sensazione che ci sia stato uno scollamento tra il Commodoro Marxista e la società (cioè il Dux De Laurentiis). E queste cose, alla lunga, si pagano. Il secondo posto sarebbe comunque un grandissimo risultato.

4. Gabigol dixit: “Inter? Certo che siamo da scudetto”. E chi sono io per contraddire Gabigol? Quindi scudetto, Europa League e Olimpiadi 2024 disputate ad Appiano Gentile per onorare i 6 palloni d’Oro consecutivi vinti da Ranocchia. Tutto agile, in scioltezza.

5. La differenza principale tra l’Inter di Mancini e quella di De Boer è che, nel primo caso, Culovic al 95’ segnava sempre. Infatti, nonostante un gioco da arresto estetico, l’anno scorso l’Inter fu a lungo prima (si spiega così il recente Nobel a Medel per la Fisica). Nell’Inter di De Boer, invece, può capitare che Icardi ti salvi a Pescara, ma più spesso accade che Ranocchia sbagli a porta vuota un secondo prima del triplice fischio. Bene comunque il Bologna, che ha giocato a livelli puntualmente alti: certo, non alti come quelli di Kondogbia, ma quasi.

6. Ho sempre dato la Roma dietro Juve e Napoli, quindi bene che vada bene terza, ma a forte rischio quarto posto (Inter). Il motivo è semplice: i preliminari di Champions League. Quando li perdi, e li perdi pure male, la stagione implode in partenza. Ancor più se sei incline agli psicodrammi. Bastano due sconfitte e Spalletti parla di “menti un po’ malate”. Sabatini minaccia (o promette) dimissioni, Dzeko fa tenerezza. Se poi tieni Iturbe e cedi Iago Falque, un po’ te le cerchi. Nulla è perduto, ma il giocattolo si è rotto col Porto. E il terzo posto è difficile. Ah: domenica sera c’è Roma-Inter. Ed è già decisiva.

7. A me, di Mario Sconcerti, quel che piace è l’allegrezza. La voglia di vivere contagiosa. Me lo immagino la sera, a far trenini di gioia con Giachetti, Crisantemi e Natolia dei Bulgari. Bevendo gazzosa scipita. Daje Mario.

8. I tifosi viola sono inclini a piangere per le decisioni arbitrali. Spesso hanno motivo per farlo, ma dopo i favori con la Roma e la macellazione impunita di Luiz Adriano per opera di Tomovic, propongo una moratoria: per almeno un mese, amici viola, tutti zitti e Nardella.

9. Arbitro a parte, Montella ha eretto la sua Linea Maginot per portarsi a casa un punticino dal Franchi. Ora che ha raggiunto i da me previsti 4 punti tra Lazio e Fiorentina, può perdere serenamente con il Sassuolo, che a San Siro contro il Milan come noto vince per decreto regio.

9 bis. Finalmente si è visto il Torino sognato dal Camerata Miha. Belotti mi ricorda Chinaglia. La Lazio c’è. Senza l’assurda sconfitta a tavolino, il Sassuolo sarebbe terzo. Il Pescara gioca bene, ma raccoglie poco. L’Udinese, dopo San Siro, si è spenta. Genoa più solido di un anno fa, ma anche meno scintillante. Stasera si giocano Cagliari-Samp e Crotone-Atalanta. Se il Crotone non vince retrocede di sicuro, se l’Atalanta perde è messa male parecchio.

10. Perché quest’anno Paulo Sousa si veste e pettina come Russell Crowe in A Beautiful Mind?

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Francesco Totti, Ilary Blasi attacca Spalletti: “Lo subisce, è un uomo piccolo. Non l’ha guidato in un percorso umano”

next
Articolo Successivo

Francesco Totti compie 40 anni: vita, gol e miracoli (non solo sportivi) dell’ultima bandiera del calcio italiano

next