– Pronto, associazione Tutti a scuola?
– Sì, buongiorno!
– La scuola di mio figlio mi ha chiesto 150 euro a settimana per un insegnante di sostegno, si può fare?
– Per quante ore a settimana?

– Dieci ore ma l’insegnante viene da un associazione che collabora con la scuola, pare sia bravo.
– Quindi la sua famiglia dovrebbe pagare circa 600 euro al mese?
– Sì, 600 euro al mese, oltre alla retta della scuola.
– Mi può dire di che scuola si tratta?
– Certo: è la scuola… ma lei non lo dica!

La scuola in questione è un istituto paritario del centro della città di Napoli. La famiglia del piccolo A. ovviamente pagherà alla scuola il bonus “accessorio” non perché benestante ma perché costretta. A. è un bimbo disabile al quale i genitori vorrebbero, come tutti i familiari dei bambini normodotati, assicurare un tempo scuola sereno e ricco di stimoli.

Qualcuno potrebbe pensare che il prezzo, inaccettabile, da pagare sia rappresentato dai 600 euro mensili da destinare a chissà quale educatore. No, il prezzo più alto è il silenzio invocato per poter garantirsi uno straccio di scuola per il loro bambino. Questo silenzio è il prezzo più alto e disgustoso. Questo silenzio rappresenta la dignità calpestata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fertility Fake vs Fertility Day, “Ministro dimettiti”. Lei: “Non capite di che parliamo”

next
Articolo Successivo

Fertility Day a Milano, la provocazione: “Vogliamo assorbenti gratuiti e ferie pagate durante il ciclo”

next