Trent’anni fa esordiva in Serie A uno dei calciatori italiani più forti di tutti i tempi. All’Artemio Franchi di Firenze (allora si chiamava Stadio Comunale) Roberto Baggio con la maglia della Fiorentina giocava la sua prima partita di campionato contro la Sampdoria. Una carriera straordinaria impreziosita da un Pallone d’Oro e un FIFA World Player vinti nel 1993 oltre a un edizione inaugurale del Golden Foot nel 2003. Nel 2011 poi è stato introdotto anche nella Hall of Fame del calcio italiano.

Ha vestito le maglie di Vicenza, FiorentinaJuventus, Milan, Bologna, Inter e Brescia. Nella speciale classifica dei migliori marcatori di sempre delle Serie A è al settimo posto con 205 reti realizzate, preceduto solo da Piola, Totti, Nordahl, Meazza, Altafini e Di Natale. Nella sua carriera ha vinto due scudetti, una Coppa Italia e una Coppa Uefa. Platini lo definì un “9 e mezzo” per via della sua collocazione in campo, un po’ trequartista un po’ fantasista. Nel 1994 disputò un grande mondiale negli Stati Uniti, sbagliando però il rigore decisivo in finale contro il Brasile. Tra i soprannomi più celebri “Raffaello“, “Coniglio Bagnato” e “Divin Codino“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ten Talking Points – Juve ridimensionata? No, ma quanta presunzione a San Siro. E l’Inter di De Boer vale la Champions

prev
Articolo Successivo

Serie A, risultati e classifica 5a giornata: si ferma solo il Napoli. Juve e Roma a valanga, Inter facile. Colpo Palermo

next