Giornata dell’innovazione: la Regione Lazio vince il riconoscimento del Quirinale nella categoria Pubblica Amministrazione con il sito Open Data Lazio. Ora l’appuntamento ora è al Maker Faire, in programma alla Fiera di Roma dal 14 al 16 ottobre, con la partecipazione di più di 40 Paesi e arrivato alla sua quarta edizione. “Ogni anno vengono scelti i soggetti che hanno più innovato in Italia”, spiega il governatore del Lazio, Nicola Zingaretti. “La nostra vittoria segna un grandissimo contributo alla trasparenza e al rapporto con i cittadini. L’innovazione toglie lavoro, ma può anche creare nuove opportunità: soprattutto se c’è chi le distribuisce e crea giustizia”. “Il ‘Maker Faire’ ha svegliato le istituzioni”, dice il curatore della manifestazione, Riccardo Luna. “C’è un grande movimento dal basso. Ovviamente l’Italia è in ritardo, non possiamo negarlo, e i posti di lavoro che si distruggono con il digitale non si recuperano se non siamo preparati a farlo”. ‘Maker Faire Rome’ è stata voluta e organizzata dalla Camera di Commercio di Roma per mettere a sistema innovazione dal basso, imprese e ricerca, il tutto costruito in chiave accessibile. Quest’anno, grande attenzione anche al lavoro e non solo autoimprenditorialità

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Wifi pubblico, torna lo spettro dell’identificazione obbligatoria

prev
Articolo Successivo

Google, ecco Allo la nuova app di messaggistica per Android e IOS

next