I genitori dei bimbi hanno saputo che la scuola sarebbe rimasta chiusa quando sono arrivati davanti ai cancelli. Lì è stato messo un avviso: “A seguito della segnalazione della presenza di topi presso la scuola si comunica che l’istituto rimarrà chiuso dal 15 al 19 settembre e riaprirà il 20 settembre, fatta salva diversa comunicazione”. La materna in questione è la Hugo Girolami, a Monteverde, nel XII Municipio. Nessuna comunicazione tra l’istituto e i genitori, che protestano per non essere stati avvisati. “Peccato – ha raccontato una mamma – che nessuno ci abbia avvertito ieri nel corso della riunione dei genitori dei nuovi iscritti con la coordinatrice e gli insegnanti“.

Nella nota esposta davanti ai cancelli si legge come “dalla relazione di Ama Roma Spa in data odierna è stato effettuato il secondo intervento di derattizzazione e il prossimo è previsto per il 19 settembre”, mentre l’avviso di chiusura era arrivato dal XII Municipio il 14 settembre. Una volta visto il cartello, i genitori dei bambini hanno chiamato i vigili denunciando la situazione e la comunicazione tardiva da parte dell’amministrazione.

“Ieri non ci è stato detto nulla. Siamo stati informati solo stamattina presto in chat, naturalmente solo chi ha letto la chat. Mentre alla Statale adiacente la derattizzazione è stata fatta dieci giorni fa”, ha spiegato un’altra mamma. Ma non è il primo episodio di deratizzazione che riguarda l’istituto, già chiuso ad aprile per lo stesso motivo. In quell’occasione la situazione fu risolta grazie all’intervento di Aslcarabinieri e polizia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Scuola, Ocse bacchetta l’Italia: boom dei Neet tra gli under 25, insegnanti anziani e tagli ai fondi pubblici, -14% in 5 anni

prev
Articolo Successivo

Dottori di ricerca: ‘sovraistruiti’ e disoccupati. L’Italia non è il Paese giusto

next