I 500 euro ai 18enni? Storia di un bonus mai nato. Trionfalmente annunciato a novembre 2015, dopo le stragi di Parigi, al grido “un miliardo per la sicurezza, un miliardo per la cultura”. Rimasto a lungo in stand-by e poi varie volte riproposto a suon di proclami nel corso delle dirette su Facebook “Matteo Risponde” e di dichiarazioni ai quotidiani, il fatidico bonus per i nati nel 1998 sarebbe dovuto scattare da oggi. Così, almeno, aveva fatto trapelare il governo nell’agosto scorso sul Corriere della Sera: il gran debutto, veniva garantito sul quotidiano di Via Solferino, sarà il 15 settembre. E lo stesso, appena 24 ore fa, avevano ribadito i senatori del Pd, lasciando al dem Andrea Marcucci l’onere di alimentare l’attesa dei circa 574mila neodiciottemni:

Giovedì mattina, però, i due siti su cui dovrebbe essere possibile avviare la procedura per poter spendere i 500 euro in libri, biglietti di musei e cinema, risultavano inattivi. Né www.18app.it, né www.diciottapp.it sono raggiungibili. Tanti i giovani che hanno provato ad accedervi, restando delusi. Sui social network l’amarezza si è trasformata presto in ironia. Su twitter c’è chi, scrivendo direttamente al premier, si dice indignato (“A renzie dacci li sordi!!!”; “Come sempre si parla e si dice ma realmente non si fa mai nulla!; “E io che speravo nel lancio della #18app. Ma fino ad ora l’unica cosa lanciata sono le mie maledizioni contro questa organizzazione di m***a”). Altri ricorrono all’arma del sarcasmo e agli immancabili meme. C’è chi rievoca il topo Ratatouille e chi chiama in causa John Travolta.

Il governo corre ai ripari con una nota pubblicata intorno alle 16 sul sito ufficiale di Palazzo Chigi e via Twitter. “Questa sera – si legge – parte la prima fase di ’18app.it’. Sarà infatti disponibile in versione beta www.18app.it, il sito attraverso cui il Governo assegnerà ai ragazzi del 1998 residenti in Italia 500 euro da spendere in cultura a partire da ottobre”. Ancora poche ore di pazienza, dunque, e poi si scoprirà se per il fatidico bonus sarà finalmente arrivata la volta buona.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sea, Cassazione: “Proscioglimento definitivo su mancata Ipo per Vito Gamberale”

prev
Articolo Successivo

Ici su immobili della Chiesa, Tribunale Ue: “No al pagamento degli arretrati non pagati tra 2008 e 2012”

next