Bernardo Caprotti è pronto a cedere Esselunga. L’operazione potrebbe cominciare già domani, quando è convocato un consiglio di amministrazione del gruppo dei supermercati. Secondo quanto racconta Repubblica l’azienda sceglierà la banca d’affari americana Citigroup per gestire questa fase, compresa la negoziazione di una partecipazione di controllo nella società della grande distribuzione. Tra i gruppi interessati all’acquisto, secondo fonti finanziarie, c’è il fondo statunitense Blackstone, che è disposto ad acquisire fino al 60 per cento. Si sarebbe fatto avanti anche il fondo britannico Cvc. Non manca neanche Walmart, che già nel 2004 sembrava vicino a concludere l’accordo per comprarsi Esselunga: in quel caso a cambiare idea fu Caprotti.

L’unica cosa certa è che questa volta Caprotti, 91, è deciso nel tentativo di dare un futuro all’azienda che ha fondato nel 1957. Alla base della decisione i dissidi con i figli di primo letto, Giuseppe e Violetta, e la difficoltà di creare una gestione con l’altra figlia, Marina, avuta con la moglie attuale. Una divisione consensuale del patrimonio sarebbe quasi impossibile, così – per non pregiudicare il patrimonio messo insieme in quasi 60 anni – Caprotti preferisce far entrare altri gruppi industriali.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Inps, il presidente Boeri: “Anni di privilegi, anche per i politici. Il problema non è la sostenibilità, ma l’equità”

next
Articolo Successivo

Barroso a Goldman Sachs, il contratto dell’ex presidente Ue con la banca d’affari sotto la lente di un comitato etico

next