Per l’Italia arrivano le prime medaglie alle Paralimpiadi di Rio de Janeiro. Le soddisfazioni per i nostri colori arrivano dall’Aquatics Center, dove Francesco Bettella ha ottenuto la medaglia d’argento nei 100 dorso S1. Il padovano ha nuotato in 2:27.06, giungendo alle spalle dell’ucraino Boiko (2:08.01) e davanti all’altro ucraino Kol (2:27.45). La seconda medaglia la vince invece Federico Morlacchi (nella foto), argento sui 400 stile S9. Il varesino si ferma (4:17.91) alle spalle dell’australiano Hall, oro con 4:12.73. Bronzo al britannico White, con 4:21.38.

“Fatemi fare i complimenti Francesco Bettella e Federico Morlacchi. Sono nomi poco conosciuti al grande pubblico, ma sono due giovani nostri connazionali che ci hanno reso orgogliosi di essere italiani vincendo le prime medaglie ai Giochi Paralimpici di Rio 2016” scrive su Facebook il premier Matteo Renzi.

In serata arriva la terza medaglia per l’Italia. A conquistarla è Michele Ferrarin. Il veronese ha vinto l’argento nel paratriathlon, categoria Pt2, grazie al tempo di 1:12:30. L’azzurro è giunto alle spalle del britannico Lewis (1:11:49) e davanti al marocchino Lahna (1:12:35). “E’ il coronamento di cinque anni di sacrifici – ammette Ferrarin – in un’ora di gara ho dato tutto. E’ stata una gara strepitosa, la più bella che abbia mai fatto, già essere qui era una soddisfazione enorme. Nonostante gli avversari giovani, che son cresciuti molto, ho portato a casa un risultato straordinario”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili