“Non ironizzate su Silvio Berlusconi e D’Alema, quando c’è l’amore per me bisogna avere rispetto”. Il presidente del consiglio Matteo Renzi, ospite alla festa del Partito democratico di Reggio Emilia, durante il suo comizio punzecchia più volte l’ex premier ed ex segretario dei Democratici di sinistra. Renzi difende la sua riforma della Costituzione sostenendo che non dà più poteri al premier: “C’erano due riforme costituzionali che davano più poteri al premier: una era quella voluta da Berlusconi, una quella voluta da D’Alema”. Poi il premier torna a ironizzare sull’ex primo ministro, che nei giorni scorsi ha iniziato una campagna per il No al referendum costituzionale: “La riforma del titolo V della Costituzione del 2001 aveva come primo firmatario Massimo D’Alema. Ha detto che però lui era contro, però l’ha firmata… a sua insaputa”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, Renzi: ‘Ciò che accade non è politica. Confermo disponibilità a lavorare con Raggi’

next
Articolo Successivo

Alcamo, polemica su giunta M5s: “Aumento stipendi del 5%”. Sindaco: “Falso, ad oggi mai preso un euro”

next