Ho deciso di venire alla Festa del Pd, perché non sarebbe stato giusto rispettare il volere di una sola persona e mancare di rispetto a tante altre. E non volevo far litigare nessuno:
io sono per la pace, non per i litigi”. Ci è voluto Gigi D’Alessio per riportare la pace nel Pd torinese dopo le polemiche sollevate dal vice presidente del partito di Torino, Raffaele Bianco sull’opportunità dell’invito al cantante napoletano alla kermesse. D’Alessio, accolto da centinaia di fan, alla fine ha partecipato al dibattito sulla Siae che lo vedeva ospite rasserenando gli animi del segretario del Pd torinese Fabrizio Morri. Che ha detto: “Succede anche nelle grandi comunità, quel detto popolare che la madre dei cretini è sempre in città, dunque i cretini ci sono anche nel Pd o possono teoricamente esserci”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, Di Maio: “Non arretreremo di un centimetro. Muraro indagata? Vedremo le carte, M5s non fa sconti a nessuno”

next
Articolo Successivo

Spending review, Perotti: ‘Non c’è volontà di farla. Solo misure piccole ed elettorali’

next