Era sfuggito alla cattura lo scorso 2 marzo, durante l’operazione Cartagena, condotta dai carabinieri del Comando provinciale e del Ros di Napoli. Ma il latitante Salvatore Mariano, 40enne napoletano, è stato arrestato a Benidorm, nota località turistica spagnola, all’interno di un resort di lusso. L’uomo aveva previsto una lunga vacanza nel complesso turistico dove si era registrato con i suoi familiari usando documenti falsi. Mariano è ritenuto responsabile di traffico di sostanze stupefacenti con aggravante del metodo mafioso. Sono state avviate le procedure per l’estradizione.

I carabinieri lo hanno arrestato fingendosi personale di servizio dell’albergo e hanno notificato a Mariano l’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal Tribunale di Napoli su richiesta della Dda. L’operazione Cartagena portò all’arresto di 33 persone ritenute appartenenti al clan Contini e al sequestro di beni di lusso per oltre 20 milioni di euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, giustizia nel nome di Keba. Vittima dimenticata della camorra

next
Articolo Successivo

Napoli, a un anno dall’omicidio di Genny Cesarano continuano le guerre di camorra

next