Intimoriscono persino i campioni del mondo. Spaventano il pubblico sulla più famosa spiaggia di Rio, per alcuni momenti con il fiato sospeso temendo un Copacabanazo, fratello gemello del 7-1 della Germania o del famoso mondiale di calcio perso in casa nel 1950. Daniele Lupo e Paolo Nicolai sfiorano l’impresa ma cedono 2-0 (21-19, 21-17) alla coppia brasiliana Alison-Bruno. Giocano alla pari, però, senza alcun timore reverenziale. E devono anche mangiarsi le mani per aver sprecato la possibilità di servire per il set durante la prima frazione. Alla fine è argento, ma per le emozioni e la passione trasmesse dal Brasile all’Italia vale quanto un oro. Anche durante la finale, i due beachers sono stati bravi a dare filo da torcere, salvo cadere davanti ai momenti martellanti di Alison e alla classe, pazzesca, di Bruno in entrambe le fasi di gioco.

Primo set Che paura in avvio, però. La partenza è da brividi per i brasiliani. Su Copacabana piove a dirotto e anche dal campo azzurro viene giù di tutto. Due aces, quattro grandi attacchi e Lupo-Nicolai se ne vanno sul 6-2. Pubblico gelato, Bruno e Alison meno. Perché superato il momento di difficoltà la coppia brasiliana sale di tono e Alison trova il pareggio con un gran muro, arma perfetta per arginare gli attacchi di Lupo. Come in occasione dell’11-9 che regala il primo break. Ma l’Italia si rimette immediatamente in carreggiata, grazie a un Nicolai che a muro prende anche le mosche. E quando la torre di Ortona aggiunge una battuta letale su Alison che sbaglia quattro di cinque attacchi consecutivi, l’Italia rientra e sorpassa firmando il 19-18. È il momento di svolta della finale, perché dopo un momento di fuoco Nicolai sbaglia clamorosamente la palla del 20-19 che avrebbe concesso all’Italia il set-point. Che va invece al Brasile, abile a trasformarlo immediatamente.

Secondo set Peccato, perché la fuga iniziale e il buon rientro nel momento di difficoltà dimostrano che Lupo-Nicolai possono giocare alla pari. E infatti anche il secondo set vola via così a lungo. Da una parte c’è qualche svarione di Alison, dall’altra Lupo attacca da montagne russe alternando colpi di genio a murate. Si arriva così al 6-5, da dove l’Italia scappa fino al 9-6 con Bruno costretto a mettere le pezze ai momenti di buio del compagno. Che però torna a dominare a muro e pareggia sull’11-11. L’equilibrio è rotto dal break brasiliano per il 16-14 che diventa 18-15 grazie a un colpo di classe di Bruno, bravo a inventare poi anche il 19esimo punto per il +4. È la pietra tombale sul match, il vero colpo del ko. Un oro sfumato o un argento inaspettato? Lupo e Nicolai sono senza rimpianti. Anche se non è il metallo più pregiato, possono essere orgogliosi di aver spaventato i campioni del mondo e tutta Copacabana.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rio 2016, video smentisce Lochte e gli altri nuotatori Usa: “Nessuna rapina. Rissa da ubriachi con vigilantes”

next
Articolo Successivo

Rio 2016, caso Lochte: compagno di squadra patteggia e dona 11mila dollari in beneficenza. Il campione si scusa

next