Ma davvero siamo qui a dibattere “burkini sì, burkini no”?. E’ davvero questo il problema, il nuovo terreno di scontro nella lotta di qualcuno contro l’islam o i crociati?

Ieri, per cause totalmente differenti, il dibattito sul burkini cresceva di pari passo con l’emozione a rate – come ho scritto ieri – suscitata dalla foto di Omran. Per il burkini c’è chi ha preso posizione, favorevole o contraria, per Omran non si è stati capaci – e mi rivolgo a chi ha preso posizione proprio sul burkini – di esprimere un giudizio netto su un problema reale: la guerra che insanguina la Siria.

La frivolezza la fa da padrona: incapaci di non occuparsi di altro che non siano banalità, oggi, filosofi, femministe e intellettuali di ogni colore esprimono un giudizio sul costume da bagno delle donne. Il burkini è diventato il nuovo terreno per lo scontro di civiltà fra l’islam e una entità costantemente in definizione, l’Occidente – a volte decadente, a volte fiorente ( a seconda di chi scrive).

Se guardiamo i simboli di questo scontro di civiltà ci accorgeremo che essi sono il velo, il burkini, il maiale e l’alcol che sono tutti elementi secondari: intendo capri espiatori dove non riflettere, interrogandosi sui veri problemi. A chi oggi dibatte sul burkini, musulmani e non, pare non interessino i problemi veri: come riusciamo a dare l’armonia al Medioriente? Come possiamo trovare una convivialità fra l’Islam e cristianesimo, basata su un dialogo vero, privo dei pesi che ci impediscono di provare una reciproca curiosità? Come far sì che l’Occidente non abbia una doppia morale: da una parte parla di diritti umani e dall’altra avvantaggia élite locali, nei più disparati paesi del mondo, a cominciare da quello arabo, che reprimo le società?

Queste sono alcune domande alle quali dovremmo trovare risposta, senza perderci nei dibattiti da bar sulla spiaggia. Dell’Islam, qui in Europa, cominceremo a capire realmente qualcosa quando termineremo di banalizzarlo. Dobbiamo mettere da parte le nostre paure, a cominciare da quella del velo, e guardare in faccia i problemi reali: un burkini non può essere più importante di Omran.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Perché il saio delle suore va bene, mentre il burkini no?

prev
Articolo Successivo

Comunione e Liberazione, i poteri forti in mostra al meeting di Rimini

next