Scintille nel post-semifinale di sciabola femminile a Rio 2016 persa dall’Italia contro l’Ucraina. La Federazione Internazionale di Scherma ha revocato l’accredito per il membro della commissione arbitrale Fie, l’ucraino Vadym Guttsait, in seguito alla violazione di una norma comportamentale prevista dal regolamento Fie. A quanto pare Guttsait avrebbe mostrato il dito medio alle azzurre.

La decisione di cacciarlo è arrivata in seguito ad una riunione straordinaria e urgente del Bureau della Federazione internazionale, convocata dopo la protesta ufficiale avanzata dal capo delegazione azzurro, Paolo Azzi. La delegazione italiana ha lamentato un atteggiamento irriguardoso nei propri confronti tenuto dallo stesso componente della delegazione arbitrale, che, secondo quanto sostenuto dagli italiani, avrebbe condizionato alcune decisioni arbitrali durante la semifinale Italia-Ucraina della gara di sciabola femminile a squadre.

La squadra ha perso 45-42. Il terzetto composto da Loreta Gulotta, Rossella Gregorio ed Irene Vecchi lotterà ora per la medaglia di bronzo con gli Stati Uniti. Da segnalare che dopo quattro assalti l’Italia era in vantaggio per 20-12.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rio 2016, Schwazer dopo la squalifica: “Non marcerò più. Neanche un metro”

next
Articolo Successivo

Rio 2016, Gabriele Rossetti è medaglia d’oro nel tiro a volo specialità skeet

next