Nuovo record del debito pubblico a giugno: 2.248,8 miliardi dai 2.241 di maggio. Il dato emerge dal supplemento Finanza pubblica del bollettino statistico della Banca d’Italia. Nei primi sei mesi dell’anno il debito delle amministrazioni pubbliche è aumentato in totale di 77,2 miliardi. L’incremento riflette il fabbisogno (24,8 miliardi) e l’aumento delle disponibilità liquide del Tesoro, pari a 56,8 miliardi.

Gli effetti dell’emissione di titoli sopra la pari, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e della variazione del tasso di cambio dell’euro hanno ridotto il debito per 4,4 miliardi.

Il dato rilevato a giugno rappresenta il nuovo massimo storico. Per quanto riguarda i sottosettori, la banca centrale segnala che il debito delle amministrazioni centrali è aumentato nel mese di 9,3 miliardi, mentre quello delle amministrazioni locali è diminuito di 2,3 miliardi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Crescita, l’Italia si ferma. Nel secondo trimestre pil al palo: +0% dopo il +0,3% dei primi tre mesi

next
Articolo Successivo

Enti pubblici, Cdp: “Hanno più di 48mila partecipazioni, fenomeno in crescita nonostante gli obblighi di dismissione”

next