Ammette che è stato un errore “personalizzare il referendum” e aggiunge una promessa: “I 500 milioni risparmiati con la riforma andranno ai poveri”. Matteo Renzi torna alla festa dell’Unità di Bosco Albergati, nel modenese, dove tre anni fa iniziò la sua corsa per guida del Pd. Questa volta gli sforzi sono tutti concentrati sul referendum costituzionale del prossimo autunno. “Anche io ho sbagliato a dare dei messaggi – spiega dal palco – questo referendum non è il mio referendum, perché questa riforma ha un padre che si chiama Giorgio Napolitano“. Se al voto passerà il sì, annuncia il premier, si risparmierà mezzo miliardo. Soldi che dalla politica, assicura Renzi, passeranno al fondo della povertà, “per dare una mano ai concittadini che non ce la fanno”. Un attacco è riservato poi alla minoranza Pd, tentata dal No alle urne.  “Chi vuole cambiare linea e segretario c’ha il congresso ogni 4 anni e non una volta al giorno, in tutte le tv e i talk show. Basta risse. E basta con la “sindrome Bertinotti”, ovvero la sindrome di chi chiede sempre di più e poi non ottiene niente”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Referendum, la retromarcia del premier Renzi: “Ho fatto un errore a personalizzare troppo”

prev
Articolo Successivo

Referendum costituzionale, Anpi diserta la Festa dell’Unità di Bologna: “Vietato parlare del no ai nostri banchetti”

next