La Consob da alcuni giorni sta eseguendo insieme alla Guardia di Finanza un’ispezione presso Equita sim, la società che è stata advisor di Urbano Cairo per l’offerta di acquisto e scambio grazie alla quale l’editore di La7 ha conquistato il controllo di Rcs. L’operazione è partita il 3 agosto, dopo che la cordata Imh composta da Mediobanca, Investindustrial, Della Valle, UnipolSai e Pirelli ha presentato un esposto all’authority chiedendo di verificare eventuali irregolarità nello svolgimento dell’opas da parte di Cairo Communication. Esposto che il giorno successivo è stato presentato anche in Procura a Milano.

Equita, la società di intermediazione mobiliare di cui è presidente e socio Alessandro Profumo, ex ad di Unicredit ed ex presidente del Monte dei Paschi di Siena, è stata appunto advisor dell’operazione e coordinatore della raccolta, ma avrebbe anche apportato all’offerta le azioni Rcs che aveva in portafoglio.

Imh aveva chiesto la sospensione dell’opas in via cautelare, ma la Consob il 22 luglio non ha ritenuto che ci fossero i presupposti, pur continuando a portare avanti l’indagine. Nel corso dell’ispezione, destinata a proseguire anche nei prossimi giorni, è stata acquisita documentazione.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stipendi, Mediobanca: “Dipendenti devono lavorare in media 31 anni per guadagnare quanto il loro ad in un anno”

next
Articolo Successivo

Volkswagen, dall’Antitrust 5 milioni di multa per la manipolazione dei test sulle emissioni. In Germania processo pilota

next