Dentro il Maracanà la spettacolare cerimonia di apertura con Caetano Veloso, Gilberto Gil e Gisele Bundchen. Fuori le proteste, disperse dalla polizia usando lacrimogenigranate stordenti. Venerdì, mentre a Rio andava in scena la festa per l’inizio della XXXI Olimpiade, circa 3mila militanti dei movimenti sociali, dei sindacati e del Partito dei lavoratori hanno manifestato a Copacabana contro il presidente ad interim Michel Temer, l’ex vice di Dilma Roussef che le è subentrato dopo la messa in stato d’accusa. Temer è stato anche fischiato dal pubblico presente al Maracanà. Nel mirino la corruzione e l’uso eccessivo di fondi pubblici per finanziare i Giochi. “Ci opponiamo al fatto che non si dà priorità ai diritti sociali – ha spiegato un manifestante – Per questo non crediamo che le Olimpiadi possano giustificare il dirottamento di risorse destinate prima alle tematiche sociali”.

La manifestazione ha costretto il Comitato organizzatore di Rio 2016 a cambiare il percorso della torcia olimpica a poche ore dall’apertura dei Giochi, visto che le sei corsie del viale che costeggia la spiaggia di Copacabana erano occupate dai dimostranti. Un gruppo di black bloc locali si è scontrato con agenti delle forze dell’ordine, impadronendosi di una bandiera del Brasile e dandole fuoco. La polizia ha risposto appunto con gas lacrimogeni e spray al peperoncino: un manifestante è rimasto ferito e un altro è stato arrestato.

Il raduno era davanti al lussuoso hotel Copacabana Palace, uno dei luoghi dove alloggia la cosiddetta ‘famiglia olimpica’. I militanti del Partito dei lavoratori dell’ex presidente Luiz Inácio Lula da Silva e della presidente sospesa Rousseff hanno marciato al ritmo di slogan contro il governo che definiscono frutto di un “colpo di stato“.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Olimpiadi Rio 2016. Pil in crollo, mazzette e vendette di palazzo: così il Brasile è tornato ‘piccolo’ alla vigilia dei suoi Giochi

next
Articolo Successivo

Olimpiadi 2016, esplosioni di luci al Maracanà per la cerimonia d’apertura: gente festeggia in strada (VIDEO)

next