Si avvicinava ai passanti fingendosi un turista e chiedendo informazioni in inglese, poi li prendeva a pugni. Un deejay  spagnolo di 23 anni, Nicolas Aitor Orlando Lecumberri, è stato arrestato mercoledì 27 luglio a Milano, con l’accusa di lesioni aggravate con l’aggravante della premeditazione e dei futili motivi. Lo ha comunicato la Polizia di Stato, che aveva lanciato una caccia all’uomo su tutto il territorio del capoluogo lombardo, dove almeno dieci persone sono state aggredite con questa modalità negli ultimi venti giorni. Il 23enne è nato a Barcellona e vive a S.Sebastian. In qualche modo era davvero un turista, dato che soggiornava in ostelli del capoluogo lombardo, anche se per lavoro: suonava nei locali di corso Como.

spagnolo_240L’ultima aggressione, prima dell’arresto, è avvenuta nel pomeriggio di mercoledì 27, in corso Lodi, nella zona sud della città. Qui un 27enne ha fermato una volante raccontando di essere stato assalito da un giovane di circa 20-25 anni, di carnagione chiara, longilineo, dai capelli biondo scuro o castani e vestito in modo trasandato. Dopo la richiesta di aiuto, il teppista ha trovato un pretesto inesistente per litigare e ha aggredito l’altro ragazzo senza dargli neppure modo di rispondere. Lo sconosciuto ha cominciato ad agitarsi e inveire, lo ha spintonato, e poi lo ha colpito due volte al viso. Nessuna ferita seria, per la vittima, che ha riportato solo alcune escoriazioni ed ecchimosi e ha rifiutato le cure mediche.

Dieci le denunce già presenti a carico dello spagnolo ma molte altre aggressioni potrebbero non essere state segnalate. Secondo la Questura, ha già colpito mercoledì e poi il 25, 22, 11 e 10 luglio. E altri due casi con modalità analoghe sarebbero al vaglio. Gli inquirenti cercheranno di capire se si tratta di uno squilibrato o di un caso di knockout game, il violento “gioco” nato negli Stati Uniti in cui si prendono a pugni persone a caso, in strada.

Il 23enne lo scorso anno aveva trascorso le vacanze estive in Salento. Da inizio luglio si trovava a Milano per lavoro. I poliziotti lo hanno arrestato nell’ostello dove alloggiava da qualche giorno, in zona Navigli.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

‘E’ una guerra seria’, le intuizioni di Bergoglio (e la mancata strategia della politica)

prev
Articolo Successivo

Ecofuturo 2016, dai rifiuti e dagli scarti agricoli: tutto il nuovo carburante per abbattere le polveri sottili. Mobilità elettrica e pulita

next