“La legge elettorale io oggi la cambierei certamente”. Così il deputato Fabrizio Cicchitto (Ncd), ospite a In Onda su La7 sulle modifiche dell’Italicum: “Questa legge non ha tenuto conto che il fenomeno del M5S non è transitorio. Quella legge non si misura rispetto ad un’ipotesi tripolare ma bipolare. Dare gratuitamente la possibilità di vincere ad un movimento senza cultura di governo è un rischio che non possiamo correre e costruire un sistema elettorale in funzione di un movimento antisistema ci si deve riflettere”. A fargli da controcanto lo storico dell’arte Tomaso Montanari: “Qui si ribalta la realtà, si cambia la legge elettorale ad ogni cambio dei sondaggi mettendo in dubbio le credenziali democratiche del M5S. Mi colpisce che questo venga detto da uno come Cicchitto che nella sua vita ha fatto parte della loggia P2“. Non si fa attendere la replica: “Se vuole una rissa ci andiamo a vedere le sentenze”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Magistratura, Mieli vs Davigo: “Meno passerelle e più lavoro”. “Noi i più produttivi in Europa”

prev
Articolo Successivo

Stipendi Rai, Cicchitto (Ncd): “Via il tetto dei 240mila euro? Campo Dall’Orto se ne prenda la responsabilità”

next