E’ guerre a distanza tra Codacons e l’Autorità per l’EnergiaDopo che il Tar della Lombardia ha dato ragione ai consumatori, sospendendo gli aumenti delle tariffe luce da luglio, e l’authority ha risposto chiedendo la revoca del provvedimento, il Codacons è tornato all’attacco e si è presentato in procura. L’associazione ha deciso di depositare una denuncia contro i vertici dell’Autorità stessa. “Chiediamo alle procure della Repubblica di Roma e Milano di accertare il comportamento dell’Authority relativamente ai rincari delle tariffe di luce e gas e alle speculazioni realizzate dai grossisti dell’energia – spiega il presidente Carlo Rienzi – Nello specifico vogliamo sapere se siano o meno ravvisabili eventuali fattispecie come concorso in aggiotaggio e omissione di rapporto alla procura”.

Secondo il Codacons, non solo l’Autorità per l’Energia ha autorizzato incrementi tariffari sulla base di presupposti errati e illeciti, ma ha deciso di contrastare l’azione della magistratura e degli utenti, annunciando istanza di revoca della decisione del Tar. L’Autorità inoltre, conclude il Codacons, sulla base dell’articolo 361 del codice penale, aveva l’obbligo di trasmettere alla Procura della Repubblica tutti gli atti sulle speculazioni realizzate dai grossisti. “Il perché non sia stato fatto non è dato sapere – prosegue Rienzi – ma nell’interesse di 30 milioni di utenti vittime di rincari ingiusti delle bollette crediamo sia doveroso rivolgerci alle procure affinché sia fatta chiarezza, così come richiesto anche dal governo”.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Corsera, il salotto buono dei soci storici di Rcs contro Cairo. Dagli sconfitti esposto in Consob e alla Procura di Milano

next
Articolo Successivo

Dl enti locali, sì con la fiducia. Riparte rateizzazione dei debiti con Equitalia, concessioni balneari salve fino al riordino

next