Mohamed Lahouaiej Bouhlel, l’uomo che la notte del 14 luglio alla guida di un camion frigo ha sterminato 80 persone sulla promenade Des Anglais di Nizza non aveva niente a che vedere con l’Islam radicale. Almeno secondo i suoi vicini di casa che danno una versione diametralmente opposta a quanto sostenuto dal premier francese Manuel Valls. “Moschea? Macché, andava in discoteca semmai”, spiega una signora all’undicesimo piano del palazzone popolare di periferia a boulevard Massena, dove Bouhlel ha abitato fino alla separazione con la moglie. Confermano invece la sua instabilità psicologica, arrivata fino ad aggredire sua moglie. Ora l’appartamento è vuoto perché la compagna si trova in stato di fermo. Ma i vicini fanno quadrato attorno a lei: “Era una bella tipa e prima della separazione da Mohamed ha avuto due figlie femmine e un maschio”. E tutti, quando si cerca un riferimento fra religione e follia omicida, scuotono la testa: “Non lo abbiamo mai visto fare il Ramadan. Sarà stato pure musulmano, ma non pregava né praticava”  di Lorenzo Galeazzi e Ferruccio Sansa

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Turchia, i tre colpi di stato riusciti dal 1960 al 1980: militari custodi laicità per tre volte al potere

prev
Articolo Successivo

Attentato Nizza, l’Isis: “Era un nostro soldato”. Il governo: “Radicalizzato velocemente”. La famiglia: “Aveva disturbi”

next