Mohamed Lahouaiej Bouhlel, l’uomo che la notte del 14 luglio alla guida di un camion frigo ha sterminato 80 persone sulla promenade Des Anglais di Nizza non aveva niente a che vedere con l’Islam radicale. Almeno secondo i suoi vicini di casa che danno una versione diametralmente opposta a quanto sostenuto dal premier francese Manuel Valls. “Moschea? Macché, andava in discoteca semmai”, spiega una signora all’undicesimo piano del palazzone popolare di periferia a boulevard Massena, dove Bouhlel ha abitato fino alla separazione con la moglie. Confermano invece la sua instabilità psicologica, arrivata fino ad aggredire sua moglie. Ora l’appartamento è vuoto perché la compagna si trova in stato di fermo. Ma i vicini fanno quadrato attorno a lei: “Era una bella tipa e prima della separazione da Mohamed ha avuto due figlie femmine e un maschio”. E tutti, quando si cerca un riferimento fra religione e follia omicida, scuotono la testa: “Non lo abbiamo mai visto fare il Ramadan. Sarà stato pure musulmano, ma non pregava né praticava”  di Lorenzo Galeazzi e Ferruccio Sansa

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Turchia, i tre colpi di stato riusciti dal 1960 al 1980: militari custodi laicità per tre volte al potere

next
Articolo Successivo

Attentato Nizza, l’Isis: “Era un nostro soldato”. Il governo: “Radicalizzato velocemente”. La famiglia: “Aveva disturbi”

next