“Tutti in strada”. E i turchi hanno obbedito al loro presidente Erdogan. Sui ponti del Bosforo, dove erano schierati i tank, nelle piazze e nelle strade. Anche per questa resistenza civile è fallito il colpo di stato dei militari. Sono molte le immagini simbolo dei cittadini contro i soldati.

Alcuni dei militari arrestati dopo essersi arresi hanno poi detto, durante gli interrogatori, che non erano coscienti di stare partecipando ad un colpo di Stato, in quanto i loro comandanti avevano parlato di “un’esercitazione”. Alcuni soldati hanno affermato di aver capito che si trattava di un golpe, quando hanno visto i civili tentare di arrampicarsi sui carri armati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tentato golpe in Turchia, soldato rischia il linciaggio: poliziotto lo salva dalla folla

next
Articolo Successivo

Attentato Nizza, Anonymous lancia la sfida ai terroristi: “Non perdoniamo”

next