L’ex pm di Mani Pulite ed ex ministro dei Trasporti Antonio Di Pietro è stato nominato presidente della società autostradale lombarda Pedemontana. Lo riferisce in una nota la Regione Lombardia. “Si è svolta oggi – si legge nella nota – l’assemblea dei soci di Autostrada Pedemontana Lombarda che, a seguito dell’approvazione del Bilancio di esercizio 2015, ha nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione così composto: Antonio Di Pietro, in qualità di presidente, e i consiglieri Manuela Giaretta e Fabio Santicioli“.

Il leader della Lega Nord, Matteo Salvini, alla richiesta dei giornalisti di rilasciare un parere a margine della seduta del Consiglio comunale, ha risposto: “Non ho commenti da fare“.
Mentre il suo compagno di partito e Presidente della regione Lombardia, Roberto Maroni si è detto “lieto della nomina di Di Pietro – aggiungendo- sono sicuro che ora saprà dare un contributo importante al completamento delle opere in cantiere, in primis della Pedemontana”.

L’ex ministro prende il posto di Massimo Sarmi, che si è dimesso pochi giorni fa anche dalla società autostradale Serravalle. Maroni si era dimostrato sicuro della sua scelta, anche dietro le richieste di Maristella Gelmini, la quale aveva chiesto al governatore di ripensarci. Il presidente lombardo aveva risposto così riferendosi a Di Pietro “Mi piacerebbe, è l’uomo giusto -sottolineando- soprattutto per l’esperienza maturata dall’ex magistrato come ministro delle Infrastrutture, periodo durante il quale fu l’artefice del Tavolo Milano, dedicato alle opere autostradali in Lombardia”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Bernardo Provenzano cremato a Milano. ‘Niente funerale pubblico’. Arcivescovo Monreale: ‘Ci sarà momento di preghiera’

next
Articolo Successivo

Attentati a Nizza, la ripresa dalla finestra: “Ecco il camion di questo bastardo”

next