Oscar Washington Tabarez ha una grave patologia progressiva. Il 69enne commissario tecnico della Nazionale dell’Uruguay, già allenatore anche in Serie A sulla panchina del Milan (1996) e del Cagliari (1994-95 con un breve ritorno nel ’99), è stato colpito dalla sindrome di Guillain-Barrè e a rivelarlo è il quotidiano uruguaiano Ovicion. La malattia, solitamente innescata da un’infezione, si manifesta con una paralisi progressiva agli arti e può causare complicazioni ai muscoli respiratori e un coinvolgimento del sistema nervoso. Le prime manifestazioni sono debolezza e formicolio alle gambe, che possono diffondersi per le braccia e il tronco. La malattia può anche svilupparsi in poche ore, causando intorpidimento nel corpo, dolori muscolari e mancanza di coordinazione nei movimenti, ed arrivando a provocare la paralisi quasi totale della persona. Tabarez guida da dieci anni la panchina della Celeste.

Anche il Milan sul proprio sito ufficiale è vicino all’ex allenatore: “Forza Maestro!”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calciomercato Milan, via Carlos Bacca: in arrivo Pavoletti o Candreva – Video

next
Articolo Successivo

Conte nuovo ct Chelsea: “Conosco solo un verbo: lavorare. L’addio a Nazionale? Volevo vivere il campo tutti i giorni” – Video

next