A Castel Volturno (Caserta) è stato aperto il primo lido balneare LGBT della Campania. Si chiama “Colorata beach”, qui gli eterosessuali dalla mentalità chiusa non sono ben accetti.
“Ancora oggi, nel 2016, nonostante l’approvazione delle unioni civili, continuiamo a sentirci a disagio se ci abbracciamo o baciamo in pubblico – ci dice la maggior parte degli intervistati – sino a ieri dovevamo nasconderci in spiagge isolate, ora possiamo prendere il sole su un lido attrezzato”. “Le cose stanno cambiando – ci ha detto Antonio, un gay di 45 anni in spiaggia con il suo compagno – ma non sono ancora cambiate”. “Colorata beach rappresenta un primo passo importante perché Napoli e la Campania possano diventare uno dei punti di riferimento del turismo Lgbt nazionale ed internazionale – ha scritto in una nota il presidente Arcigay Napoli Antonello Sannino – ed è un un ulteriore luogo di libertà e civiltà”  di Veronica Bencivenga e Fabio Capasso

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Femminicidi, Boldrini: “Uomini diventate femministi. Al più presto fondi per i centri antiviolenza”

prev
Articolo Successivo

I migranti pagano la pensione a 620mila italiani

next