Il filmato di pochi secondi, diffuso dalla Polizia di Foggia, mostra i presunti assassini di Rocco Dedda, 47enne foggiano, freddato sotto l’uscio di casa il 23 gennaio scorso nell’ambito della guerra tra il clan a cui era vicino, quello dei Sinisi-Francavilla e quello rivale dei Moretti-Pellegrino-Sanza. È stato colpito con quattro colpi di pistola al petto, mentre in casa c’erano la compagna e i suoi due figli di 3 e 11 anni. Sono immagini che arrivano da alcune delle telecamere di sorveglianza posizionate sia sul luogo dell’omicidio, sia nella zona dove i due sicari hanno incendiato e abbandonato lo scooter utilizzato durante l’agguato. Si notato i killer che si dirigono verso casa della vittima e che poi fuggono a bordo dello scooter. “Chiunque, nella maniera più riservata possibile, sia a conoscenza di informazioni utili ai fini identificativi – riferisce la Polizia – è pregato di contattare noi della Squadra Mobile tramite il centro 113 o per chi abita fuori provincia al seguente numero 0881668111”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gladio, storia dell’accordo segreto tra Cia e Sifar. Ma siamo sicuri che non esista più?

next
Articolo Successivo

Salvatore Cuffaro, l’ex governatore condannato per mafia va in Burundi a fare il volontario. E apre un profilo Instagram

next